domenica 26 dicembre 2010

STELLE

STELLE




La luce delle stelle
mi stupisce stasera
dall’immensità affacciate
s’esibiscono le più lustre
tra pareti d’empireo
si celano le più meste.

Accese
stanno a sbriciolare nell’oscurità barlume
celestiali
in coro arpeggiano un canto
sospese
sorridono taciturne in ogni tempo.

Luna
non derubare alcuna tra le stelle
miraggio
affidano a pupille
che attorno
non scorgono luce.

Stelle respirate piano
quando illuminate la notte di un bimbo tra i sogni
stelle stringete la mano
a chi è nelle tenebre perso,
vestite con la luce del timido sguardo
le pareti del cupo percorso.

1 commento:

gaetano ha detto...

Ciao cara Grazia. Una poesia stupenda, molto emozionante.
La scelta del grande Renato è veramente azzeccata e moltiplica le emozioni.
:-)
un caro saluto Gaetano.


Angioletto

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.