domenica 29 aprile 2012

ANNA BALSAMO - Recensione


Recensione di Anna BALSAMO  - Poetessa, Scrittrice, Critico letterario


Dal libro  “Cristalli di Parole”  - Silloge di poesie

*

Di “Cristalli di Parole” di Grazia Finocchiaro, tali sono le pulsioni di vita che contengono, mi verrebbe da scrivere, “cascate di parole”.
Poetessa di comunicazione, Grazia Finocchiaro, quindi, con questo meraviglioso mezzo che è la poesia, duttile come l’oro: vero oro alchemico, se pensiamo che ci fa conoscere persone, come Grazia, nel profondo, a cuore aperto.
L’interesse del lettore, in veste di critico, è acuito dall’intuire, già avanti, la magia del ménage che l’autrice deve equilibrare tra i propri slanci affettivi e l’accompagnarsi giornaliero alla presenza di un grande artista al suo fianco.
Nel libro si scoprono i sentimenti e le qualità della donna che alfine prorompono in quest’opera prima: Grazia compare non ombra del marito ma in tutta la sua essenza di compagna, espressa in queste poesie che certo da anni le affollavano la mente e i cassetti.
Qui il ruolo del marito non è quello del famoso artista, che tutti ammiriamo, ma quello dell’amato cui l’intatto cuore di ragazzina di Grazia corre ancora incontro eternando l’emozione dei giovani appuntamenti. E Grazia è l’amante, la sposa, la mamma delle loro figlie: quindi quieta, tacita e forte vestale di vita che, come per le matriosche – le dolci bambole russe di legno smaltato – produce altra vita che a sua volta ne riprodurrà una ancora e ancora, e che non dimentica a sua volta la memoria della propria madre.
Con queste toccanti poesie, Grazia, ci dice chi è, fiamma vivida della sua casa: ardente e tenera, umorale e serena, forte negli smarrimenti, umile e felice nelle vittorie sulle esperienze esistenziali,  santa ed eroina del quotidiano come tutte le vere donne. Combattiva per la sua buona causa. Ha costanza nella vita, è una morbida presenza e mai un’essenza: è la grande madre quando stringe le manine dei pargoletti delle sue figlie.
Ecco cosa ci hanno rivelato le sue poesie coltivate dentro negli anni, esposte ora nella fioritura di questa raccolta: ci auguriamo ne tragga ancora tante altre dalla sua calda fierezza, dalla sua nostalgia per il Sud "lasciato" (che pure di continuo le canta nel sangue); è quella che si affaccia nella icona di copertina con tutto il pathos che suo marito le ha riconosciuto e che lei, con altrettanta bravura, con questi versi ha trasmesso.

                                       Anna Balsamo

Nessun commento:


Angioletto

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.